Twitter del Presidente
Documento senza titolo vivilasanità

News

MODELLO F24. PRESENTAZIONE TELEMATICA: OBBLIGHI, MODALITÀ ED ESONERI

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n.27, ha fornito importanti delucidazioni circa la presentazione dell’F24 per via telematica, precisando in quali casi sarà ancora possibile la vecchia presentazione cartacea. Di seguito, segnaliamo tutte le principali informazioni in merito. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE TELEMATICA – Vanno presentati obbligatoriamente per via telematica i modelli F24 a saldo zero, quelli contenenti crediti utilizzati in compensazione, con saldo finale maggiore di zero, oppure i modelli

IVA. SE I TAGLI NON BASTANO, AUMENTERANNO LE ALIQUOTE DEL 22 E DEL 10%

Se qualcosa dovesse andar storto, lo Stato prevede un inasprimento dell’Iva Se qualcosa dovesse andar storto, la Legge di Stabilità prevede esplicitamente un inasprimento dell’Iva, sotto la formula della clausola di salvaguardia. Ciò significa che se i tagli alla spesa pubblica e le entrate previste non dovessero corrispondere agli importi necessari per far quadrare il bilancio e restare all’interno del quadro di vincoli imposti dall’Europa, ci sarà un incremento dell’Iva

INCONTRO CON GOVERNO SU TAGLI REGIONI. VENDOLA: “MANOVRA SI ABBATTE SU WELFARE”

Roma – “Questa manovra, che si cumula alle manovre precedenti per un totale di 6 miliardi e 250 milioni di euro, si abbatte come un ciclone, non sulle spese dei consigli regionali, bensì sulle spese che riguardano gran parte del welfare e dei servizi sociali. Ora si apre un tavolo tecnico. Il governo è disponibile a vedere le proposte che le Regioni sono in grado di fare per rendere più

RENZI ALLE REGIONI, I TAGLI RESTANO DI 4 MILIARDI… MA SI TRATTA

Primi segnali distensivi fra governo e regioni dopo le aspre polemiche dei giorni scorsi sui tagli previsti dalla legge di stabilità sono emersi dall’incontro del premier Matteo Renzi con le regioni a palazzo Chigi. Al termine c’è stata una conferenza stampa del sottosegretario Graziano Delrio e del presidente della Conferenza delle regioni Sergio Chiamparino. Renzi aveva insistito sulla trasparenza e sul mantenimento dei 4 miliardi di tagli mentre Chiamparino ha

CREDITI PA ‘DOC’ PER LA CESSIONE

A fine mese scadono i termini per presentare l’istanza di certificazione dei crediti vantati nei confronti della Pubblica amministrazione la cui cessione è assistita da garanzia dello Stato. Assonime, con la circolare n. 31 del 20 ottobre 2014, torna sul punto chiarendo la procedura da seguire per la cessione dei crediti a banche e intermediari finanziari, sottolineando la particolare attrattiva data dalla presenza della garanzia dello Stato. Il dl 66/2014

IL TFR IN BUSTA, IL FISCO VINCE ANCHE SOTTO I 15 MILA EURO

Se il nuovo regime fiscale sul Tfr e sui fondi pensione verrà confermato, in Parlamento saranno numerose le richieste di modifica. Non solo perché le norme sarebbero retroattive, a partire dal 2014, ma perché penalizzanti sul piano fiscale. Bocciata, in particolare, l’operazione Tfr in busta paga. Non sarebbe per nulla conveniente trasferire sulla busta paga mensile il trattamento di fine rapporto, nemmeno per quelle fasce di reddito che si collocano

SPENDING REVIEW IN CENTRO E PERIFERIA, MA BOOM DELLA SPESA PER IL WELFARE

Chi all’interno dell’Amministrazione pubblica ha tirato di più la cinghia in questi anni di crisi? I dati elaborati dall’Ufficio studi della CGIA ci dicono che il taglio maggiore della spesa pubblica è attribuibile alle Amministrazioni locali, ma anche lo Stato centrale ha dato un significativo contributo in termini di riduzione delle uscite; tuttavia, questi risparmi sono stati “erosi” dalla crescita della spesa per le prestazioni sociali. Tra il 2009 e

CARACCIOLO: “INACCETTABILE PER LA BAT QUESTA BOZZA DI PIANO DI RIORDINO”

  Il consigliere regionale del PD, Filippo Caracciolo ha diffuso una nota in merito alla discussione relativa al Piano di riordino del sistema sanitario che la Regione Puglia sta mettendo a punto. La programmazione regionale, pur passando dalla trasmissione da parte delle singole ASL di prospetti programmatici, sembra oggi riportare criteri arbitrari. Il risultato lampante è di differenze macroscopiche all’interno dello stesso territorio pugliese tra territori provinciali aventi un numero

ZULLO: “ACCORPAMENTI ASL? UN DISASTRO DA EVITARE”

“Le dichiarazioni di Vendola e del Pd, che immaginano un ulteriore accorpamento delle Asl pugliesi, fanno paura e rappresentano un disastro da evitare per la sanità pugliese. Ci viene da domandarci che rapporto ci sia tra la Giunta e i direttori generali perché, evidentemente, la sinistra regionale non ha letto le controdeduzioni di Colasanto ai rilievi del Mef, in cui il dg individua nell’accorpamento, operato nel 2006, la causa madre

FASCICOLO SANITARIO, SERVE OK PAZIENTE PER OGNI DATO MESSO ONLINE

«La comunicazione a terzi dei dati sanitari dei cittadini, prevista nella de materializzazione e nel contesto dell’attivazione del fascicolo sanitario elettronico “remoto” è un rischio per il rapporto fiduciario e per la medicina generale. Ogni dato conferito al mmg e da questi girato alla regione senza prima chiedere all’utente è un potenziale segreto violato». Luca Puccetti presidente della società medica interdisciplinare Promed Galileo afferma che «In alcune regioni si vanno

DEBITI P.A. IN ALTO MARE

Uno studio dell’Ance, diffuso ieri, avverte che ammontano a 10 miliardi di euro i debiti in conto capitale della pubblica amministrazione ancora da pagare. Per sanare il pregresso dice l’Associazione nazionale dei costruttori edili serve una riforma del Patto di stabilità interno. A fine settembre circa 1.000 enti territoriali hanno presentato richiesta di allentamento del Patto per un ammontare pari a 1,1 miliardi di euro. A fronte di 200 milioni

SANITÀ. VENDOLA A LORENZIN: “ABBIAMO BISOGNO DI RISORSE, ALTRO CHE TAGLI”

“Credo che un titolo di giornale tradisca anche quello che dice la Lorenzin. La Lorenzin dice delle cose assolutamente oggettive”. Così il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, commentando questa mattina con i giornalisti le dichiarazioni rilasciate dal ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, sulla sanità pugliese. Secondo il Ministro, intervistato dal Corriere del Mezzogiorno, i servizi sanitari della Puglia non sono adeguati agli standard nazionali. “La Puglia – ha specificato

LORENZIN, LE REGIONI FACCIANO IL LORO LAVORO CON SERIETÀ E IMPEGNO

Il giornalista Francesco Strippoli del Corriere del Mezzogiorno, ha rivolto alcune domande al ministro per la Salute Beatrice Lorenzin, che qui di seguito riportiamo integralmente. A queste dichiarazioni ha riposto il Governatore della Puglia Vendola. Ministra, intanto i governatori dichiarano guerra ai tagli previsti dalla legge di Stabilità e dicono che gli effetti potrebbero rovesciarsi sui livelli di assistenza e delle prestazioni sanitarie. Caldoro, in Campania, ha appena annunciato che

CONTI PUBBLICI, SALE IL DEBITO AL 127,9%

Con la revisione dei conti pubblici in base alla nuova metodologia Esa 2010 lo scorso anno il deficit pubblico in Italia è stato del 2,8% del Pil, calcolato a 1.618,9 miliardi di euro. E’ quanto emerge dai dati di Eurostat che fissano il disavanzo pubblico italiano a 45,95 miliardi. Il rapporto debito/Pil è salito nel 2013 al 127,9%, 5,7 punti in più rispetto all’anno precedente. Eurozona – Nel 2013, sempre

LE REGIONI PROTESTANO, MA LO STATO TAGLIA DI PIÙ

Il peso della manovra sugli enti locali, secondo sindaci e governatori è ‘insostenibile’. Oltre ai tagli già previsti per 5,8 miliardi, la legge di Stabilità, oggi alla firma del Capo dello Stato, contiene anche un minor gettito di quasi 500 milioni come conseguenza del taglio dell’Irap deciso dall’Esecutivo. I dati elaborati dalla Commissione sul federalismo fiscale e dalla Ragioneria dello Stato dicono che l’apporto di Regioni, Comuni e Province alle

DENUNCIA ‘REPORT’ SANITÀ, FI: “SISTEMA ALLO SBANDO E SENZA CONTROLLI”

“La notizia denunciata da ‘Report’ sugli interventi chirurgici eseguiti dal venditore di pacemaker, se confermata, sarebbe sconvolgente e sconfortante per i pugliesi che avrebbero ragione di preoccuparsi. Tuttavia, se il sistema smette di essere governato ed è allo sbando, le maglie si allargano e lasciano spazio a fenomeni patologici come questo”. Lo dichiarano i consiglieri regionali di Forza Italia Erio Congedo, Aldo Aloisi, Antonio Barba e Luigi Mazzei. “Come sempre

News Sezione Rosa

PIÙ GIOVANI E PIÙ PREPARATE: ECCO LE DONNE CHE FANNO IMPRESA

   Più giovani e più preparate: ecco le donne che fanno impresa  Diplomata o laureata, trentacinque-quarantenne, residente al Centro-Sud e fino a ieri impiegata o quadro in un’azienda, spesso casalinga. E’ questo l’identikit della neo-imprenditrice che emerge dall’indagine di Unioncamere sulle “vere” nuove imprese costituite lo scorso anno, dove per